La funzione del cervello può iniziare il declino prima dei 45 anni

La capacità del cervello di funzionare può iniziare a deteriorarsi già prima dei 45 anni d’età, suggerisce uno studio pubblicato sul British Medical Journal. I ricercatori dell’University College di Londra hanno riscontrato un calo del 3,6% delle funzioni mentali in donne e uomini di età tra i 45 e i 49 anni. Nello studio, hanno valutato le capacità di memoria, il vocabolario e la comprensione di 7.000 uomini e donne di età compresa tra 45 e 70 anni per oltre 10 anni.

La Alzheimer Society, ha detto che la ricerca è stata necessario in quanto i cambiamenti nel cervello potrebbero aiutare la diagnosi di demenza. Precedenti ricerche avevano suggerito che il declino cognitivo non inizia molto prima dei 60 anni, ma i risultati della ricerca dimostrano che si potrebbe già iniziare nella mezza età.

Questo è importante, dicono i ricercatori, perché le cure per la demenza sono più efficaci se iniziano nel momento in cui gli individui cominciano ad avere problemi psichici.

I ricercatori dell’UCL hanno testato le funzioni cognitive di 5.198 uomini e 2.192 donne tra i 45 ei 70 anni, che erano tutti i dipendenti pubblici nel Regno Unito, dal 1997 al 2007. Gli individui sono stati testati per la memoria, vocabolario e capacità di comprensione uditiva e visiva. Sono state prese in considerazione anche le differenze nel livello di istruzione.

Crisi di mezza età

I risultati dei test mostrano che i punteggi cognitivi declinato in tutte le categorie tranne che nel vocabolario e che c’è un calo più rapido nelle persone anziane. Lo studio ha rilevato un calo del 9,6% nel ragionamento mentale negli uomini di età compresa tra 65-70 e un calo del 7,4% per le donne della stessa età. Per uomini e donne di età compresa tra 45-49, c’è stata una flessione del 3,6%.

Il Professor Archana Singh-Manoux del Centro per la Ricerca in Epidemiologia e Salute della Popolazione in Francia, che ha guidato il team di ricerca presso l’University College di Londra, ha detto che le prove dello studio hanno mostrato che la demenza coinvolge il declino cognitivo per più di due o tre decenni: “Ora dobbiamo stare attenti a chi ha un declino cognitivo più alto rispetto alla media e trovare come fermare il declino – dice – Un certo livello di prevenzione è sicuramente possibile. I tassi di demenza stanno salendo e comportamenti riguardanti la salute, come il fumo e l’attività fisica, sono legati ai livelli della funzione cognitiva. È importante identificare i fattori di rischio precoce. Se la malattia è iniziata a 50 anni in un individuo, ma abbiamo cominciato a guardare al rischio solo quando ne ha 60, allora come si fa a iniziare a separare causa ed effetto?

Scelte di Stile di vita

Il Dr. Anne Corbett, direttore di ricerca presso la Alzheimer Society, ha detto che lo studio ha aggiunto al dibattito sul declino cognitivo l’argomento dell’inizio del declino, ma ha lasciato alcune domande senza risposta: “Lo studio non ci dice se qualcuna di queste persone ha continuato a sviluppare demenza, né come sarebbe fattibile per i Medici di Medicina Generale (MMG) rilevare questi cambiamenti iniziali. Più ricerca è necessaria per aiutare noi a capire pienamente come cambiamenti misurabili nel cervello possono aiutare a migliorare la diagnosi di demenza“.

Il dottor Simon Ridley, direttore della ricerca presso l’Alzheimer Research UK, ha detto che vorrebbe vedere studi simili effettuati in un campione di popolazione più ampia. Ha aggiunto: “La ricerca precedente suggerisce che la nostra salute, a metà della vita influenza il nostro rischio di demenza come l’età, e questi risultati ci danno tutti una ragione in più per rispettare i nostri buoni propositi del nuovo anno. Anche se non abbiamo ancora un modo sicuro per prevenire la demenza, sappiamo che semplici cambiamenti dello stile di vita – come mangiare una dieta sana, niente fumo, e mantenere la pressione sanguigna e il colesterolo sotto controllo – possono ridurre il rischio di demenza“.

Il Professor Lindsey Davies, presidente della Facoltà di Salute Pubblica, ha detto che le persone non dovrebbero attendere che i loro corpi e le loro menti si rompano prima di agire. “Basta solo guardare ai problemi che il tasso di obesità infantile causerà, se non cominciamo a capire quanto è importante che assumiamo un approccio alla salute pubblica inteso come ‘dalla culla alla tomba’“.

Fonte: BBC NEWS – Health
http://www.bbc.co.uk/news/health-16425522

Questa voce è stata pubblicata in Articoli Scientifici e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...