La stimolazione cerebrale profonda (DBS) migliora la qualità di vita nel Parkinson

I risultati del primo studio controllato sulla stimolazione cerebrale profonda (DBS) a corrente costante per il trattamento della malattia di Parkinson, sono stati pubblicati dalla rivista Lancet Neurology. I dati mostrano miglioramenti statisticamente significativi nel controllo dei sintomi e della qualità della vita. 

Lo scopo dello studio era di valutare i sistemi di stimolazione a corrente costante Libra e LibraXP e misurarne l’efficacia nella gestione dei sintomi della malattia di Parkinson. Condotto in 15 centri negli Stati Uniti, lo studio ha arruolato 136 pazienti ed era mirato alla valutazione comparativa di pazienti sottoposti a impianto di stimolazione cerebrale profonda con e senza stimolazione.

L’obiettivo primario dello studio era di misurare l’intervallo tra gli episodi di Discinesia nel periodo di tre mesi. L’intervallo in esame si riferisce all’arco di tempo in cui ogni giorno un paziente conduce una vita normale senza episodi di Discinesia, movimenti involontari dovuti ai farmaci somministrati per gestire il morbo di Parkinson.

I risultati dello studio sono stati statisticamente significativi, dimostrando come i partecipanti al gruppo di stimolazione abbiano mediamente registrato un incremento di 4,27 ore di “on time” contro un aumento di 1,77 ore dei pazienti curati senza stimolazione. Inoltre, i pazienti sottoposti a stimolazione hanno riportato anche un miglioramento complessivo della qualità della vita.

Questi risultati sono importanti in quanto rappresentano il primo grande studio randomizzato e controllato utilizzando un dispositivo a corrente costante per la gestione dei sintomi del Parkinson”, ha affermato Michael S. Okun, MD, Direttore Amministrativo dell’Università della Florida e principale autore dell’articolo. “I dati di questo studio rappresentano l’evoluzione dell’approccio al trattamento con stimolazione cerebrale profonda e forniscono nuovi elementi di prova degli effetti positivi che questa terapia può fornire ai pazienti”.

Altri risultati chiave registrati a tre mesi sono stati i seguenti:

  • I pazienti trattati con la stimolazione hanno ottenuto un tasso di risposta positiva pari al 73% rispetto ad un tasso di risposta del 38% del gruppo di pazienti senza stimolazione (la risposta è stata definita positiva in caso di aumento di almeno 2 ore del tempo di “on”).
  • Il punteggio della scala UPDRS, parte motoria, è aumentato del 38% nei pazienti sottoposti a stimolazione.
  • C’è stata una diminuzione statisticamente significativa nella quantità di farmaci necessari per il controllo dei sintomi da Parkinson nel gruppo trattato con stimolazione rispetto al gruppo senza stimolazione.

Lo studio ha arruolato pazienti che in media avevano sofferto di Malattia di Parkinson per almeno cinque anni e che registravano 6 o più ore al giorno di scarso controllo dei sintomi motori con moderata o severa Discinesia. Tutti i pazienti sono stati trattati con la stimolazione bilaterale della zona del nucleo subtalamico del cervello.

Gli eventi avversi e il profilo di sicurezza sono stati simili a quelli di altri recenti studi randomizzati di DBS. Lo studio ha preso in esame i neurostimolatori della St. Jude Medical Libra e LibraXP a corrente costante attualmente approvati in Europa, America Latina e Australia, per la gestione dei sintomi della malattia di Parkinson. Il sistema consiste in un neurostimolatore – un dispositivo a batteria impiantato chirurgicamente che genera lievi impulsi elettrici – e in conduttori che trasmettono gli impulsi ad un’area specifica del cervello.

La National Parkinson Foundation (www.Parkinson.org) stima che negli Stati Uniti siano più di 1 milione le persone attualmente affette de questa malattia, con circa 50.000-60.000 nuovi casi ogni anno. In tutto il mondo sono circa 6 milioni le persone che soffrono di questa condizione.

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Articoli Scientifici e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La stimolazione cerebrale profonda (DBS) migliora la qualità di vita nel Parkinson

  1. marco capezzuoli ha detto:

    secondo me è sbagliato fare la stimolazione prof,,,dopo 4 o 5 anni di malattia quando i farmaci non funzionano più ..bisognerebbe farla all,esordio della malattia …

  2. maria ha detto:

    giustissimo!!!!!!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...