Il Parkinson va in scena

San Benedetto del Tronto (AP)Giulio D’Anna e suo padre (affetto dal Parkinson) attraverso il teatro indagano la malattia e le differenze generazionali, con un team internazionale. Il nuovo spettacolo teatrale si chiama “Parkin’ son“.  

Giulio, giovane ballerino e coreografo sambenedettese, lavora principalmente nei Paesi Bassi ma ultimamente ha trovato il tempo per dedicarsi ad alcuni progetti anche in Italia.
L’anno scorso ha vinto il Premio Equilibrio a Roma con un ‘arrangiamento’ di “Parkin’ son” che debutterà nella versione finale a Febbraio 2012 sempre a Roma. La prima nella capitale verrà allietata da due ospiti d’eccezione: Jimmy Fontana e suo figlio, i quali canteranno per Giulio e per l’intero cast. Lo spettacolo approderà al Teatro Concordia di San Benedetto del Tronto il 21 Marzo.

È stato molto bello che l’AMAT e il Comune di San Benedetto (in particolare Margherita Sorge) mi abbiano supportato il progetto” ha detto Giulio. I temi che lo spettacolo si propone di affrontare sono: il rapporto padre-figlio (sì, perché, sul palco reciteranno proprio Giulio e suo padre) e le differenze generazionali ma esso si propone pure di indagare sul cosa sia la danza (il padre di Giulio non ha una vera e propria formazione alle spalle), sul Parkinson, malattia che scientificamente e culturalmente rimane nell’ombra e di cui Stefano, il padre di Giulio, è affetto.

È la prima volta che il giovane D’Anna lavora con suo padre ma prontamente e spiritosamente ribatte quest’ ultimo: “Non è la prima volta che lavoro con lui, è da quando è nato!”. Coinvolgere il proprio genitore è stata un’idea partorita da un “desiderio di indagare nuovi corpi danzanti” ci ha spiegato Giulio.

Il team è composto da un gruppo ‘supermarchigiano’ e da una restante parte formata da ragazzi di diverse nazionalità. “La presenza di persone internazionali rende il lavoro internazionale” ha precisato Giulio. Il loro vuole essere un lavoro che raggiunge diverse persone in diversi paesi e che arriva ad una certa categoria di persone, non solo agli abituali frequentatori di teatro stimolando una riflessione nelle persone sane e in quelle che non lo sono.

Da un articolo di Alessandra Scarpantoni su “IlQuotidiano.it”:
http://www.ilquotidiano.it/articoli/2012/01/14/113608/il-morbo-va-in-scena 
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il Parkinson va in scena

  1. Mauri Bavieri ha detto:

    SALVE, VIVO DA TEMPO CON LUI….MISTER PARKI
    VIVO COSI: ENTRA NEL MIO f. E GUARDA

Rispondi a Mauri Bavieri Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...