Combattere il Parkinson e il Cancro con l’umorismo

Il libro di Robyn Levy ‘Most of Me’ racconta di un viaggio che nessuno vorrebbe intraprendere. A 43 anni, le è stato diagnosticato il Parkinson e dopo pochi mesi un cancro al seno. Nel libro esplora la diagnosi, passando per le cure – tra cui una mastectomia e una ovariectomia – e il rapporto con la sua famiglia in questo periodo. Nonostante l’argomento, ‘Most of Me’ è pieno di umorismo irriverente e temi di vita familiare che sono rilevanti per quasi tutti quelli che hanno sempre vissuto con un adolescente (o lo sono stati). Robyn Levy ha raccontato al quotidiano ‘The Vancouver Sun’ la sua esperienza durante il ‘Breast Cancer Awareness Month’ nell’ottobre scorso.

In superficie, il libro sembra che sia rilevante soprattutto per le donne e le persone colpite da tumore al seno o dal Parkinson. Che cosa possono apprendere tutti gli altri dal libro?

Le mie malattie hanno posto le basi per la mia storia, ma le relazioni svolgono i ruoli principali. Quindi non importa lo stato della vostra salute o il sesso, tutti possono rivedere le interazioni con la famiglia, amici, vicini, estranei, operatori sanitari e cani. Inoltre, i temi che tocco sono anche di tipo familiare: l’attrito con la famiglia e la riconciliazione, il flusso e riflusso della sessualità, metterti di fronte alla tua mortalità, ristrutturazione della casa, fare scherzi, confondendo il confine tra tragedia e commedia” racconta Robyn.

Scrivere il libro è stato catartico? Le ha fatto ricordare esperienze dolorose? In che modo scrivere il libro e il suo ‘Blog’ la ha aiutato nel corso degli ultimi anni?

Certamente è stato catartico. In un anno a mio padre è stato diagnosticato il Parkinson, a mia madre è stato diagnosticato un cancro e a me sono state diagnosticate entrambe le malattie. Quindi scrivere questo libro mi ha dato l’opportunità di riflettere e affrontare la carneficina emotiva in modo fantasioso. I ricordi dolorosi hanno riacceso la mia creatività… Il libro e il Blog hanno anche dato scopo e struttura alla mia vita, aumentato la mia fiducia e mi rendono felice”.

Può parlarci di qualche commento che hai avuto finora da parte di persone che soffrono di cancro al seno o di Parkinson?

La gente mi ringrazia per essere così onesta ed espressiva. Essi apprezzano anche l’umorismo nei miei scritti e le mie opere d’arte”.

Nonostante abbia a che fare con un periodo traumatico della sua vita, ‘Most of Me’ è pieno di umorismo. Può dirci qualcosa su come ha utilizzato l’umorismo nella sua vita in questo periodo e nella sua scrittura? Le è venuto naturale o ha dovuto forzare un po’?

Ho sempre avuto un ‘umorismo nero’. Vorrei essere una di quelle persone che possono calcare un po’ la mano, ma non lo sono. Ma una volta in cui mi sentivo meglio, ho messo il mio senso dell’umorismo a buon uso. O meglio, molteplici usi: uno strumento sociale che mi riconnette con le persone; un meccanismo di difesa che protegge la mia fragilità emotiva; un meccanismo di fuga che mi distrae dai miei problemi di salute e un dispositivo artistico che sfida la mia mente creativa”.

Allo stesso modo, il libro contiene elementi di fantasia: personaggi come la ‘Signora Piangente’ e ‘Dolores Le Protesi’ vengono introdotte in difficili situazioni emotive. Ha volutamente costruito questi personaggi mentre si stava riprendendo dalle operazioni? Come sono nati?

“Questa è un’osservazione interessante: che i personaggi vengono introdotti in difficili situazioni emotive. Posso onestamente dire che questo non è stato intenzionale. In realtà, i personaggi non sono mai stati nemmeno previsti. Mi hanno sorpreso mentre stavo scrivendo il libro, dopo che mi ero rimessa dalle mie operazioni. La ‘Signora Piangente’ emerse nel primo capitolo della prima bozza del mio manoscritto. E più ho scritto su di lei, più reale è diventata. Poi c’è ‘Gug la Cavernicola’: primitiva, pelosa, spirituale. Di tutti i personaggi, mi piace di più. Ma essi rappresentano tutti gli aspetti di me”.

Il libro si conclude su una nota edificante, guardando a un futuro di possibilità e di felicità. Ma lei come sta?

Nel complesso, sto abbastanza bene. Fortunatamente, sono senza cancro da tre anni. E mentre il mio Parkinson è progredito un po’, sono in grado di gestire i miei sintomi con i farmaci, esercizio fisico, riposo e cercare di vivere una vita equilibrata. La maggior parte dei giorni, mi sento ancora positiva per il mio futuro immediato. Il mio futuro lontano? Cerco di non pensare troppo al riguardo”.

Fonte: The Vancouver Sun

Il Blog di Robynhttp://robynlevygallery.wordpress.com/

************************************************************************


Most of Me”:
http://www.amazon.ca/Most-Me-Surviving-Medical-Meltdown/dp/1553656326

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storie di Parkinson e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...