Una malattia difficile mi ha portato a una vita più ricca

Nel 1995, Ken Fisher ha ricevuto una diagnosi che avrebbe cambiato per sempre ogni aspetto della sua vita. Aveva il Parkinson. La malattia lo ha colpito quando si stava godendo il pieno della sua vita: poco più che quarantenne, felicemente sposato con un figlio, faceva un lavoro da sogno nella costruzione di aerei, nel sud dell’Ontario. 

Mentre la diagnosi è stata difficile da affrontare, Fisher ha deciso che non aveva intenzione di lasciare che avesse la meglio su di lui. Si è trasferito con la moglie e il figlio a Winnipeg (Manitoba, Canada) per essere più vicino ai suoi parenti. Fintanto che era in grado di lavorare, sapeva che aveva ancora molto da dare e che poteva trovare conforto nel volontariato con la Parkinson Society Manitoba, un’organizzazione non-profit dedicata a fornire programmi e servizi a coloro che vivono con il Parkinson, educare il pubblico sulla malattia e raccogliere fondi per la ricerca.

Non tutto è perduto”, ha detto Fisher, 63 anni, aggiungendo che la sua fede e il sostegno della moglie e del figlio sono stati fondamentali. “Cerco di dipingere un quadro positivo. Non tutto è nero. È un fardello, ma tutti abbiamo oneri di una sorta o di un’altra. Come dice il proverbio, quando ti danno un limone, fai la limonata”.

Fisher, che si muove su un carrozzina elettrica, dice che avere il Parkinson in realtà ha contribuito positivamente alla sua vita, che gli consente la possibilità di incontrare gente incredibile e anche fare cose che mai avrebbe sognato di fare. “Una cosa che ho scoperto è che le persone con Parkinson sono persone meravigliose. Sono gli individui più generosi, comprensivi, piacevoli, disposti al perdono e laboriosi“, ha detto Fisher, aggiungendo che ha avuto il piacere di prendere parte alla realizzazione di video didattici e partecipare a un convegno nazionale per conto della Parkinson Society Manitoba.

Sono stato in grado di dare un contributo come non avrei mai fatto prima. Non avrei mai fatto video. Non avrei mai avuto l’opportunità di parlare alla gente. Loro mi hanno dato questa opportunità. Vedevano le capacità e le competenze che avevo e hanno deciso che avrei potuto essere utile. Questo mi ha portato una ricchezza di cui sono molto grato”.

E aggiunge che ha collaborato in molti altri modi, come membro del comitato di fondazione della Parkinson SuperWalk, una manifestazione di raccolta fondi annuale, coordinando il programma di massaggio della Parkinson Society e facendo presentazioni educative per scuole, gruppi di anziani e associazioni.

Ciò è estremamente importante, perché devono essere trovati una cura e migliori processi di recupero per questa malattia debilitante. Voglio vedere questo realizzato nel corso della mia vita” ha detto Fisher, che fa anche volontariato con i Winnipeg Blue Bombers, la Winnipeg Airports Authority e la Winnipeg Symphony Orchestra.

È importante per me partecipare e usare le mie energie in quella direzione. Dobbiamo spingere la comunità nel suo insieme a essere più consapevole del problema e coinvolgerla di più. Abbiamo bisogno di fondi per la ricerca. Abbiamo bisogno di persone per aiutarci. Tutto ciò è estremamente importante”.

 

Fonte Winnipeg Free Press: http://www.winnipegfreepress.com/local/difficult-disease-led-to-a-richer-life-136526463.html

Per informazioni sulla Parkinson Society: www.parkinson.ca

 

Questa voce è stata pubblicata in Storie di Parkinson e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...